domenica 26 aprile 2015

ROBERTO COTRONEO - Il sogno di scrivere (ed. UTET)

Roberto Cotroneo

Dopo il mini corso di scrittura creativa ho comprato "a scatola chiusa" Il sogno di scrivere di Roberto Cotroneo. Mi correggo, a scatola quasi chiusa, perché mentre lo annusavo mi è caduto l'occhio su alcune parole che mi hanno colpita, per cui mi sono detta: "mio!"

In realtà non è esattamente il libro che pensavo. Credevo di trovare una serie di indicazioni ben codificate su come si scrive, la creazione del personaggio, la voce narrante, lo schema della trama e così via.
Ho trovato invece un libro molto discorsivo, quasi un romanzo, che ha come tema la scrittura. Anche i singoli capitoli hanno titoli che potrebbero benissimo essere quelli di racconti "Tanti anni fa", "Dopo la tempesta", "Memoria e oblio".
Ci sono pochissime citazioni - Kafka, Marquez, Eco, Kundera - e il libro scorre agevolmente rivelando il nostro più o meno consapevole desiderio di scrivere un romanzo e su come sia cambiata la scrittura e il suo significato.
La scrittura non è un esercizio di bravura, non si scrive per compiacere. Scrivere è mettere in ordine i nostri cassetti e anche nella cantina dei nostri ricordi. Scrivere è un po' come sognare, ma si scrive solo dopo, quando il sogno è finito da tempo e subentra il ricordo. 


             "La vita allontana il tempo passato, la scrittura lo riavvicina."

Il Sogno di Scrivere


Non hanno più importanza la lunghezza del romanzo o gli errori di ortografia, importante è lo sguardo che si ha verso quello che ci circonda, le cose, le persone, i posti, perché se si sa guardare allora si sa anche raccontare.

Interessante è l'ipotesi che un domani grazie a Facebook e Instagram - diventati diari quotidiani di vite - potremo avere più scrittori perché i social network "hanno accentuato il legame con il passato della gente comune".
Chiude il libro un utilissimo dizionario delle cose da sapere per chi vuole scrivere e pubblicare un romanzo.


"Scrivere è il miglior modo per conoscere se stessi"

LEI

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.